Starbucks ha creato un’esperienza premium: aperto il primo dei 1000 Reserve Store

Starbucks inaugura a Seattle un nuovo format di brand experience d’eccellenza pensato come un mix di mercato e teatro del brand mentre continua la competizione per le marche di caffè di lusso come Blue Bottle e Intelligentsia

I prodotti e servizi sono l’elemento portante per una presenza significativa di un’azienda all’interno del mercato, infatti, senza di questi non avrebbe senso l’esistenza dell’impresa stessa.

Essendoci una grande concorrenza risulta quindi indispensabile una differenziazione tanto che al giorno d’oggi è sempre più presente l’abbinamento di una proposta commerciale di un prodotto abbinato ad un servizio che, pur facendo da contorno, permette di posizionare il prodotto nel mercato distanziando i competitor. Questa attività strategica di marketing viene chiamata Brand experience. Il pubblico oramai non si accontenta delle caratteristiche tecniche di prodotto che soddisfino le sue esigenze, ma vuole di più; vuole un insieme di vantaggi, agevolazioni e privilegi.

Starbucks ha così aperto a Seattle, nello stesso palazzo dell’headquarter, il primo dei locali progettati all’insegna di un concept innovativo, di un’esperienza premium chiamata Reserve Store.

 

  • Il nostro Reserve Store prende il meglio del caffè artigianale, della cottura artigianale e del vivere un’esperienza cliente in stile market place, creando uno spazio che ha sia energia che momenti di intimità.

    Liz Muller
    Vicepresident senior di Creative, Global Design & Innovazione a Starbucks

Starbucks ha descritto questo nuovo concetto di experience con uno stile open e di contaminazioni tra ambienti. Un mercato con un banco da forno, un bar con liquori e un bar con riserve particolari, tavoli, aree lounge e due camini. Una via di mezzo tra un teatro e un mercato, per un’esperienza premium che include caffè, cibo e cocktail all’italiana, e vede elementi delle torrefazioni, dove il caffè viene preparato sul posto e consumato nei modi più diversi.

  • L’apertura dei Reserve Store è una nuova pietra miliare, nella quale prendiamo tutto quello che abbiamo imparato dalle torrefazioni, dalla rilevanza e dalla funzione dei locali e dall’accoglienza sopra ogni aspettativa.
    Creiamo un ambiente che ridefinisce il contatto con i clienti e rilancia il resto del business.

    Howard Schultz
    Executive chairman di Starbucks


Starbucks ha dichiarato che il lancio dei Reserve Store, progettati già dal 2016, includerà 20/30 nuove aperture, con location pianificate per Milano e New York nel 2018, Tokyo e Chicago nel 2019. La società ha dichiarato che alcuni dei nuovi negozi saranno delle conversioni da negozi Starbucks esistenti.

Starbucks ha più di 28.000 negozi in tutto il mondo, secondo il suo ultimo rapporto di gennaio 2018. Ma la crescita della società di nuovi negozi è scesa al di sotto delle aspettative degli analisti.
Howard Schultz ha lasciato infatti il ruolo di Chief Executive Officer lo scorso anno, ma è rimasto nell’azienda per concentrarsi sui Reserve Store. Kevin Johnson è diventato l’attuale CEO di Starbucks a cui è stato affidato il compito di continuare l’espansione del brand in tutto il mondo, aprendo in nuovi paesi dove non sono presenti.


 

Di Brand experience ne parlo in questo libro.

Editore: Dario Flaccovio Editore
Collana: WebBook
Data di Pubblicazione: 11 gennaio 2018
ISBN:
788857907413
Pagine: 340
Costo: 24,65 euro
Formato: brossura

About the author

Brand strategist, esperto neuromarketing e neurobranding e founder laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Appuntamenti

Neuromarketing World Forum 2020

Millennium Biltmore Hotel | Los Angeles
02/04/2020

Cinema televisione e altri media: i nuovi linguaggi dell’immagine

Biblioteca Civica di Verona (VR)
11/12/2019

Marketers festival 2019

Vicenza Convention Center
23/11/2019

Le ultime pubblicazioni

Advertising

Neuromarketing: perché gli archetipi sono importanti nel processo di vendita
10 Dicembre 2018By
Quando l’advertising fa sognare ma è anche sociale: Go beyond plastic di North Sails
21 Luglio 2018By

Branding

Il neuromarketing e la teoria degli insiemi percettivi
15 Marzo 2019By
La Generazione Z interagisce meno con i brand nei social network
18 Febbraio 2019By

Digital

Abbiamo bisogno delle arti liberali ora più che mai: anche nel marketing e nella pubblicità
23 Febbraio 2019By
Le classifiche del mondo digital che non danno informazioni
1 Febbraio 2019By

Marketing

Il neuromarketing per creare il content vincente: il marketing brain to brain
18 Marzo 2019By
Come diventare un Web Marketing Manager & Digital Strategist?
3 Febbraio 2019By

Social

Predicting Personality: i Like nei social media rivelano più di quello che pensi
18 Gennaio 2019By
Social media marketing: quantità e qualità dell’advertising ma soprattutto analisi del ritorno d’investimento
9 Gennaio 2019By