Il mirroring: che cos’è, definizione ed esempi

Il mirroring: che cos’è, definizione ed esempi. Tutti noi quando parliamo, quando ci muoviamo, quando siamo in interazioni sociali, che cosa facciamo? Gesticoliamo, respiriamo, ci muoviamo in continuazione.

Questo è un processo naturale che ci capita, ci è stato insegnato da bambini come si doveva fare, ma c’è un tipo di comportamento che non ci è stato insegnato, che è quello del mirroring. In realtà le mamme sanno bene come si utilizza questo processo comunicativo, perché le mamme sanno calmare un neonato sussurrandogli delle parole dolci all’orecchio, e quindi riescono a entrare in empatia con il proprio figlio e riescono addirittura ad ottenere un risultato diverso da quello che noi riusciremmo a realizzare.

Questo comportamento si chiama proprio mirroring, è una tecnica che mira a riprodurre la comunicazione sia verbale, sia non verbale, del soggetto che ci sta di fronte, al fine di creare un rapporto di sintonia e di empatia. E quindi questa empatia si traduce in un abbassamento della nostra soglia di attenzione.

Il termine mirroring deriva appunto dall’inglese mirror, che vuol dire specchio, quindi è come se noi ci specchiassimo nei linguaggi o negli atteggiamenti fisici nei confronti dell’altra persona.
Tutto ciò permette che le persone che le persone che entrano in contatto con noi si sentano bene accolte, si sentano comprese, si sentano, come si dice tradizionalmente, si empaticamente in relazione con noi.

Il mirroring può essere verbale, in cui il soggetto evidenzia le similitudini del linguaggio, quindi se uno parla velocemente, anch’io parlo velocemente, se uno parla lentamente, anch’io parlo lentamente, perché così potremmo dire, che lo faccio sentire a casa. Oppure esiste il mirroring fisico, che si realizza mimando il linguaggio del corpo che l’interlocutore sta adottando in quel momento: se una persona si siede distante da un tavolo, anch’io che interagisco con lui, posso allontanarmi dal tavolo in modo che abbiamo la stessa parità di distanza. Questo permette un abbassamento delle soglie di difesa del soggetto e quindi una capacità di ingresso emozionale, nei confronti di chi ci sta di fronte, maggiore.
Esiste anche il mirroring del respiro, che è molto efficace per stabilire un buon rapporto, ma che permette anche di mettere a disagio una persona: è possibile tramite un mirroring utilizzando il respiro in un determinato modo, mettere ansia nella persona che ci sta di fronte o, addirittura, calmarlo.

Il mirroring ovviamente passa inosservato perché non siamo abituati a utilizzarlo, o meglio, magari alcuni lo utilizzano inconsciamente ma non l’abbiamo mai studiato, quindi passa in secondo piano. Però provate a pensare la potenza di questo strumento e, soprattutto, la potenza che ha nei confronti, quando viene utilizzato dalle agenzie di comunicazione, dei brand, per condizionarci nei nostri comportamenti di acquisti.

Quindi la parola che dobbiamo ricordare in questo periodo è quella del mirroring, fate attenzione se qualcuno si sta specchiando su di voi o vi sta specchiando. 

  • Se la tua organizzazione esige il successo prima dell’impegno, non otterrà mai nessuna delle due.

    Seth Godin
    Scrittore e marketer
Ascolta interamente questo nuovo episodio su

SPOTIFY

Oppure ascolta questa puntata su

APPLE MUSIC | ITUNES PODCAST

Oppure ascolta questa puntata su

SPREAKER

TAG CLOUD

#advertising #book #branding #brandpositioning #comunicazione #digital #digitalcommunication #ecommerce #educazione #facebook #informatica #instagram #internet #libri #marketing #mirroring #mutazioni #neuromarketing #neurobranding #neuroscienze #newmedia #nuovetecnologie #psicologia #pubblicità #reti #semiotica #semioticadigitale #socialmedia #socialmediamarketing #socialnetwork #tecnologia #web #webmarketing #webmarketingmanager

cerca qui sotto altri argomenti che ti possono interessare in

ALTRE PUNTATE

Le sfide del marketing: che cosa sono, definizione ed esempi

Le sfide del marketing: che cosa sono, definizione ed esempi. Il marketing è una disciplina che conosciamo da tantissimi anni e che è soprattutto abbinata ancora adesso, nell’immaginario comune, all’aspetto economico.
Continua a leggere

Il digital personal branding: che cos’è, definizione ed esempi

L’argomento di oggi è il digital personal branding: andiamo proprio ad analizzare cosa voglia dire il personal branding all’interno del mondo digital.
Continua a leggere

Il business personal branding: che cos’è, definizione ed esempi

Oggi si sta delineando un nuovo tipo di personal branding, chiamato business personal branding, in quanto ha l’obiettivo di valorizzare le caratteristiche professionalizzanti del soggetto, e quindi non solo le caratteristiche identitarie.
Continua a leggere

La brand image: che cos’è, definizione ed esempi

La brand image: che cos'è, definizione ed esempi. Ma che cosa vuol dire oggi questo termine? Potremmo definirla come l’immagine mentale, qualitativa e valoriale, che una marca ha nei confronti dei propri consumatori.
Continua a leggere

Generazione digital: vi presento il mio podcast

Benvenuti al primo appuntamento di Generazione digital. Di che cosa parleremo in questa nuova rubrica? Parleremo del mondo digital e di come dieci anni fa questo mondo della comunicazione è stato invaso da questa nuova...
Continua a leggere

Social media marketing: che cos’è, definizioni ed esempi

I social media e i social network sono sicuramente un fenomeno sociale, culturale ed economico che tutti conosciamo. Chi di noi non ha un profilo social? Chi di noi non lo utilizza in maniera diversa...
Continua a leggere
About the author

Brand strategist, esperto neuromarketing e neurobranding e founder laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Newsletter

NEUROMARKETING

Suoni binaurali: cosa sono e come funzionano nel nostro cervello
13 Aprile 2022By
Conosci te stesso: quando cervello e emozioni viaggiano all’unisono
8 Aprile 2022By

NEUROBRANDING

Il divertimento è il plus per un marketer vincente
14 Aprile 2022By
Il buzz marketing: le relazioni al centro del marketing conversazionale
11 Aprile 2022By

BRAND POSITIONING

L’eccitazione della scoperta: l’elemento fondamentale per i consumatori
12 Aprile 2022By
La semiotica digitale: una disciplina innovativa per il comunicatore odierno
9 Aprile 2022By

DIGITAL & SOCIAL

Il grande impatto dei micro e nano influencer nelle campagne di marketing
30 Aprile 2020By
Il Celebrity Marketing ai tempi del Coronavirus
16 Aprile 2020By

PODCAST

Il framing: che cos’è, definizione ed esempi
2 Marzo 2020By
Segmentazione del mercato: che cos’è, definizione ed esempi
1 Marzo 2020By

NEWS

Al Marketers Festival 2019: tra posizionamento e neurobranding
7 Novembre 2019By
ECOMM 2019 e Predicting Personality: i Like rivelano più di quello che pensi
4 Novembre 2019By