Il graphic design nel 2018: low design, responsive typography, hand made e transparency

Le tendenze del graphic design nel 2018 saranno ancora guidate dal Less is more di Ludwig Mies van der Rohe dove la semplicità del segno grafico sarà affiancata alla cura dei dettagli, con una responsive typography che permetterà una identificazione univoca del brand.

Il Low-level design (LLD o design di bassa complessità) sarà l’elemento guida nel graphic design del 2018, caratterizzato da una palette colori costituita da un esiguo numero di colori a disposizione ma con un’identità ben precisa. Colori decisi e vivaci, segni grafici dinamici per soddisfare la crescente necessità di semplificazione degli stimoli visivi a cui sono sottoposti gli utenti.

La Landor Associates, azienda pubblicitaria di San Francisco specializzata nell’ideazione di brand con elementi identitari che rendono individuabile a prima vista una corporate identity, ha annunciato che nel 2018 il low design si affiancherà ancora alla declinazione del flat design. Elementi estremamente semplici e sempre separati tra di loro con una chiara distinzione dei piani in cui i testi, le immagini e altri elementi grafici sono nettamente distinti. Font dal disegno semplice, senza grazie, usati nella loro declinazione bold per produrre più facilmente una forte consistenza visiva e una maggiore leggibilità.

La Landor, che è stata pioniera in varie metodologie di ricerca, design e consultazione che sono oggi consuetudine nell’industria del branding, propone un uso del colore deciso per affiancare la semplicità del segno grafico e comunicare un’emozionalità ottimistica nei confronti dei brand. E il suo lavoro sui brand come Coca Cola, Levi Strauss & Co., Bank of America, British Airways si è visto negli anni i frutti che ha portato.

Il 2018 sarà anche l’anno della cura dei dettagli, segno di una cura particolare dovuta all’utilizzo della responsive typography. La tecnologia ora permette di animare e adattare dinamicamente il lettering al dispositivo utilizzato. Il lettering va quindi studiato e utilizzato in modo più preciso.

La responsive typography abbinata al flat design vediamo già che è il biglietto da visita dei grandi player del web come Adobe, Apple, Google e Microsoft. Il type design diventa quindi fondamentale per creare un’identità di brand semplice, pulita e memorizzabile.

Saranno messi in campo contrasti eccessivi e proporzioni inattese tra immagini, lettering e colori per distinguersi dalla standardizzazione. Lo spiazzamento visivo sarà il nuovo MUST.

Oltre all’Ultra Violet proposto da Pantone, nel 2018 vedremo l’utilizzo di colori luminosi, quasi fluorescenti, con i colori in RGB caricati di luminosità per non passare inosservati sugli schermi dei nostri desktop, dei laptop e degli smartphone.

Il ritorno alla calligrafia e all’hand made permetterà di valorizzare l’unicità del segno grafico. Accanto a questo ritorno alla tradizione, nel graphic design si affiancherà il full 3D come quello proposto da Coca Cola a New York il 15 agosto scorso. In Times Square è stato installato un cartellone pubblicitario progettato utilizzando 1.760 schermi a LED, che possono muoversi indipendentemente l’uno dall’altro con una coreografia programmata. La pubblicità diventa così dinamica e cambia le immagini con un movimento simile a un’onda, offrendo agli spettatori una trasformazione visiva affascinante.

Infine il 2018 sarà l’anno della transparency (la trasparenza) che s’inserirà in tutti i supporti digitali producendo l’effetto window (attualizzazione dell’Effetto sipario), come se si trattasse di una finestra attraverso cui guardare i contenuti grafici, di lettering e di colore.

Insomma ci aspetta un anno intenso e pieno di nuovi stimoli visivi in cui l’atto creativo sarà espresso nuovamente nella formula matematica alla quale possiamo ricondurre ogni istanza: creatività = nuovo x utile.


I lavori grafici di Ray Oranges, illustratore fiorentino di adozione e calabrese di nascita, credo siano la combinazione corretta di quanto sopra illustrato.
L’immagine principale dell’articolo è un lavoro di Ray Oranges i cui lavori sono visionabili qui:
ray-oranges.com/

About the author

Brand strategist, docente universitario e CEO laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Appuntamenti

StartupItalia: open summit 2018

Palazzo del Ghiaccio - Milano (MI)
17/12/2018

Cinema, televisione e altri media: i nuovi linguaggi dell’immagine

Biblioteca Civica di Verona (VR)
05/12/2018

TEDxTrento 2018: hic sunt leones

Teatro Sociale - trento (TN)
01/12/2018

Le ultime pubblicazioni

Advertising

Neuromarketing: perché gli archetipi sono importanti nel processo di vendita
10 Dicembre 2018By
Quando l’advertising fa sognare ma è anche sociale: Go beyond plastic di North Sails
21 Luglio 2018By

Branding

Branded content: le narrazioni per creare più engagement
26 Gennaio 2019By
Una perfetta strategia marketing presuppone un ottimo brand positioning
7 Gennaio 2019By

Digital

Le classifiche del mondo digital che non danno informazioni
1 Febbraio 2019By
Cos’è veramente il Digital Marketing, al di là di facili soluzioni
25 Gennaio 2019By

Marketing

Come diventare un Web Marketing Manager & Digital Strategist?
3 Febbraio 2019By
I 4 errori che i marketers commettono perché non conoscono il potere delle neuroscienze
30 Gennaio 2019By

Social

Predicting Personality: i Like nei social media rivelano più di quello che pensi
18 Gennaio 2019By
Social media marketing: quantità e qualità dell’advertising ma soprattutto analisi del ritorno d’investimento
9 Gennaio 2019By