La Generazione Z interagisce meno con i brand nei social network

Quale strategia devono adottare i brand per raggiungere i consumatori? Sono necessari due approcci diversi per la Generazione Z e i Millenials. Qui le indicazioni provenienti da una ricerca.

La ricerca di Global wex Index ha preso in esame le propensioni all’acquisto dei consumatori appartenenti alla Generation Z (16-20 anni) e ai Millennials (21-34 anni).
Nonostante la Generazione Z passi più tempo ogni giorno nei social network rispetto ai Millennial (quasi 3 ore contro 2 ore e 39 minuti), la generazione più giovane interagisce meno con i brand in rete.

In tutte le azioni legate ai brand che si realizzano nei social network, la Generazione Z è sempre al secondo posto rispetto ai Millennials. Ad esempio, 1 su 4 Millennial ha visitato la pagina di un social network di un brand nell’ultimo mese, mentre la cifra per la Generazione Z è di 1 su 5.
Al di là delle persone conosciute nella vita reale, i Millennials sono più propensi a seguire i brand che amano nei social network. La Generazione Z preferisce seguire attori e personaggi famosi piuttosto che i brand direttamente. Per raggiungere questo pubblico diventano quindi importanti gli influencer o i VIP che sponsorizzano direttamente dei prodotti.
Per la Generazione Z i social network sono più una fonte di intrattenimento e un modo per stare al passo con le celebrità preferite, piuttosto che un luogo per l’interazione diretta con i brand.

Quindi un approccio diretto del brand al cliente va sconsigliato per la Generazione Z mentre auspicato per i Millennials. Per la generazione più giovane infatti gli approcci meno invasivi possono raccogliere maggiori consensi e stimoli all’acquisto.

Qui è possibile scaricare la ricerca completa: blog.globalwebindex.com/brand-interaction-social/

About the author

Brand strategist, docente universitario e CEO laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Appuntamenti

Master in Brand positioning per consulenti finanziari

Ramada Plaza Hotel - Milano (MI)
06/10/2018

Le leggi della comunicazione odierna applicate alle Sale della comunità

La comunicazione di una Sala della Comunità - ACEC triveneta - Abano Terme (PD)
22/09/2018

Web Marketing Training 2018

Palazzo L’Unione Sarda - Cagliari
07/07/2018

Le ultime pubblicazioni

Advertising

Neuromarketing: perché gli archetipi sono importanti nel processo di vendita
10 settembre 2018By
Quando l’advertising fa sognare ma è anche sociale: Go beyond plastic di North Sails
21 luglio 2018By

Branding

Neuromarketing: le funzioni archetipiche per raggiungere emozionalmente il tuo pubblico
16 settembre 2018By
Chi è il vincitore tra il video e l’audio a livello emozionale? Ce lo dice il neuromarketing
6 settembre 2018By

Digital

Cos’è veramente il Digital Marketing, al di là di facili soluzioni
25 luglio 2018By
Abbiamo bisogno delle arti liberali ora più che mai: anche nel marketing e nella pubblicità
22 maggio 2018By

Marketing

Le neuroscienze e il neuromarketing si confrontano nella mente del cliente
11 settembre 2018By
Il Content Marketing in 54 soluzioni che funzionano anche senza budget
3 settembre 2018By

Social

Neuromarketing: la fluidità cognitiva nei social network e nel web
13 settembre 2018By
Comunicazione e manipolazione: scontro o incontro?
5 settembre 2018By