Le classifiche del mondo digital che non danno informazioni

Le classifiche, rese allettanti dall’information design, sono diventate il nuovo mantra per i marketers e i pubblicitari. Ma come vengono combinati i dati? Ecco quando sono inutili o addirittura inventate.

Siamo sommersi di classifiche e di dati ogni giorno. L’avvento in Italia dell’information design negli ultimi anni ha potenziato questa tendenza già presente nel mondo digital.

Ci vengono presentate valutazioni metriche autorevoli con variabili che però rimangono nascoste.
Gli algoritmi che strutturano i dati permettono di formare queste classifiche, ma quali sono gli elementi presi in considerazione?
Conta solo il dato quantitativo o anche quello qualitativo? E nelle classifiche come si intrecciano questi due aspetti? Che peso hanno?


L’elemento che mi sorprende sempre è la classifica delle prestazioni delle università italiane. Solitamente vicino ai tempi delle immatricolazione escono queste classifiche che si differenziano di molto nei dati proposti. Quindi ad esempio l’università A può essere prima in una classifica e anche fuori dalla Top Ten in altre.

Infatti ciò che rimane sempre misterioso in queste ricerche sono i parametri misurati, le percentuali attribuite e come vengono intersecati i dati tra di loro.
Contano solo i tempi record di laurea o anche il tempo necessario per l’inserimento lavorativo? E se li prendiamo in considerazione entrambi che percentuale possiamo attribuire?
È chiaro che la combinazione di questi dati crea classifiche differenti o addirittura divergenti.

Ci sono quindi valutazioni e classifiche che apparentemente esistono per darci informazioni e dovremmo usare queste informazioni per cambiare il nostro comportamento.
Ma se non conosciamo quali sono le variabili importanti, come potrebbero esserci utili?
Solo perché qualsiasi realtà può essere facilmente misurata con delle cifre, non significa che quella realtà sia necessaria, importante o utile.

  • I marketers hanno imparato molto tempo fa che la gente ama le classifiche e le specialità del giorno.
    Il modo migliore per aumentare le vendite è mettere qualcosa in una piccola scatola nel menu e, in caso di dubbio, classificare le cose.
    E a volte le persone addirittura inventano le classifiche.

    Seth Godin
    Scrittore e imprenditore statunitense

Facciamo quindi attenzione alle classiche che non mettono in evidenza i dati utilizzati e come vengono combinati.

Solitamente quelle inefficaci e fuorvianti sono quelle che espongono solo il dato numerico del campione preso in considerazione. Ma questo dato quantitativo oramai sappiamo che è insufficiente per guidare il pubblico, anche se molte volte riesce a condizionarlo.

E spero che queste classifiche non guidino i pubblicitari e marketers nelle scelte creative, strategiche e comunicative.

About the author

Brand strategist, docente universitario e CEO laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Appuntamenti

Master in Brand positioning per consulenti finanziari

Ramada Plaza Hotel - Milano (MI)
06/10/2018

Le leggi della comunicazione odierna applicate alle Sale della comunità

La comunicazione di una Sala della Comunità - ACEC triveneta - Abano Terme (PD)
22/09/2018

Web Marketing Training 2018

Palazzo L’Unione Sarda - Cagliari
07/07/2018

Le ultime pubblicazioni

Advertising

Quando l’advertising fa sognare ma è anche sociale: Go beyond plastic di North Sails
21 luglio 2018By
Il mondo PlayStation ci permette di combattere i nostri mostri: senza paura
19 giugno 2018By

Branding

Loyalty: la fidelizzazione deve trasformarsi da transazionale a emozionale
21 giugno 2018By
Leo Burnett individua cinque trend chiave per la creatività
18 giugno 2018By

Digital

Cos’è veramente il Digital Marketing, al di là di facili soluzioni
25 luglio 2018By
Abbiamo bisogno delle arti liberali ora più che mai: anche nel marketing e nella pubblicità
22 maggio 2018By

Marketing

Il mindset di chi vuole lavorare nel mondo del web marketing
23 luglio 2018By
Perché la copertina del Time con Trump è così potente? Grazie al “Verso della Comunicazione”
28 giugno 2018By

Social

Nei social network 1 utente su 3 non distingue la pubblicità dai contenuti
17 maggio 2018By
I social sono il canale pubblicitario più rilevante per i più giovani secondo il report di Adobe Digital Insights
20 aprile 2018By