Nei social network 1 utente su 3 non distingue la pubblicità dai contenuti

L’indagine di Blogmeter intitolata “Italiani e Social Media” riporta che Facebook e WhatsApp si confermano i social network preferiti dal pubblico, mentre Instagram scala le classifiche e conquista soprattutto la Generazione Z.

1 utente su 3 non distingue la pubblicità dai contenuti nei social network. Questo è il dato riportato da Blogmeter nella sua ultima ricerca intitolata: Italiani e Social Media.

Questo dato potrebbe essere letto in due modi diversi: uno negativo e uno positivo. Il primo può essere che 1 utente su 3 ha bisogno di essere ancora alfabetizzato al linguaggio dei social network. Il secondo è che i pubblicitari stanno lavorando bene a livello di content marketing tanto che i contenuti di advertising vengono percepiti come contenuti organici.

Per la Generazione Z invece l’advertising on line risulta utile e rende i brand più vicini a loro.

Questi sono alcuni dati riportati in questa interessante ricerca condotta da Blogmeter, intervistando 1500 italiani, tra i 15 e i 64 anni, rappresentanti un campione statistico degli iscritti ad almeno un canale social.

Blogmeter ha classificato i social network in due tipologie:
social di cittadinanza che gli utenti usano più volte a settimana e che contribuiscono a definire le identità di relazione del pubblico;
social funzionali che vengono utilizzati saltuariamente e che soddisfano solo un bisogno specifico.

Tra i social di cittadinanza Facebook si conferma, nonostante tutto, anche per quest’anno il maggiore rappresentante per l’84% degli intervistati. Altre piattaforme rilevanti sono YouTube e Instagram, che cresce del 6% rispetto all’anno passato (da 40% a 46%). Un dato molto significativo per le relazioni social è la crescita di WhatsApp, che passa dal 91% al 94% con un utilizzo quotidiano.

I principali social funzionali sono Trip Advisor e Facebook Messenger, che crescono entrambi del +4%, rispetto ai dati dell’anno scorso.

Le motivazioni che spingono gli utenti all’utilizzo delle piattaforme, sono opposte in quanto un polo formato dal 42% degli intervistati dichiara di limitarsi a leggere contenuti altrui, il 13% dichiara di scrivere prevalentemente propri post originali, senza particolare attenzione ai post delle altre persone. Il restante polo formato dal 45% legge, scrive o commenta.

Instagram è il social di riferimento per seguire le celebrity (in crescita rispetto al 2017). YouTube e Pinterest sono invece utilizzati a livello creativo per trovare nuovi stimoli e idee. Interessante la crescita di menzioni di Facebook Messenger (+7%) come canale per comunicare con le aziende.

L’advertising su Facebook e Instagram è ritenuta utile come fonte di informazione e individuazione delle novità dei brand rispettivamente per il 26% e il 33% degli intervistati.
La critica più forte è riservata all’advertising su YouTube che è considerata fastidioso dal 75% degli intervistati.

La Generazione Z utilizza WhatsApp tutti i giorni e il 75% lo fa anche con Instagram, con una percentuale di addirittura il 41% in più rispetto alla media.

Per il 37% di loro, la pubblicità in Facebook e Instagram risulta utile per conoscere i prodotti dei brand a cui sono affezionati e il 5% ha testimoniato di aver acquistato prodotti dopo aver visto un adv sui propri profili social.


Qui è possibile scaricare la ricerca completa di Blogmeter: www.blogmeter.it/italiani-e-social-media

About the author

Brand strategist, docente universitario e CEO laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Appuntamenti

Master in Brand positioning per consulenti finanziari

Ramada Plaza Hotel - Milano (MI)
06/10/2018

Le leggi della comunicazione odierna applicate alle Sale della comunità

La comunicazione di una Sala della Comunità - ACEC triveneta - Abano Terme (PD)
22/09/2018

Web Marketing Training 2018

Palazzo L’Unione Sarda - Cagliari
07/07/2018

Le ultime pubblicazioni

Advertising

Neuromarketing: perché gli archetipi sono importanti nel processo di vendita
10 settembre 2018By
Quando l’advertising fa sognare ma è anche sociale: Go beyond plastic di North Sails
21 luglio 2018By

Branding

Neuromarketing: le funzioni archetipiche per raggiungere emozionalmente il tuo pubblico
16 settembre 2018By
Chi è il vincitore tra il video e l’audio a livello emozionale? Ce lo dice il neuromarketing
6 settembre 2018By

Digital

Cos’è veramente il Digital Marketing, al di là di facili soluzioni
25 luglio 2018By
Abbiamo bisogno delle arti liberali ora più che mai: anche nel marketing e nella pubblicità
22 maggio 2018By

Marketing

Le neuroscienze e il neuromarketing si confrontano nella mente del cliente
11 settembre 2018By
Il Content Marketing in 54 soluzioni che funzionano anche senza budget
3 settembre 2018By

Social

Neuromarketing: la fluidità cognitiva nei social network e nel web
13 settembre 2018By
Comunicazione e manipolazione: scontro o incontro?
5 settembre 2018By