La personalizzazione tra brand e consumatori è importante, ma non esagerate

Il pubblico oggi si attende dai brand una sempre maggiore personalizzazione, di prodotti e messaggi, e chi realizza campagne di marketing data-driven ne vede i risultati. Ecco i pro e i contro.

È vero: oggi ci stufiamo di messaggi pubblicitari ripetitivi, di prodotti sempre uguali. A tutti noi piace la novità. Ma attenzione al rischio del “nuovo per nuovo” senza un motivo comunicativo o di marketing. Attenzione a non avere una strategia.

L’approccio personalizzato che deve avere un brand non significa dare ai consumatori quello che vogliono. Personalizzazione vuol dire esser capaci di reagire velocemente alle complicate trasformazioni del mercato nei comportamenti del pubblico.

GlobalWebIndex ha realizzato un report sull’argomento in cui ha raccolto e organizzato i risultati di numerose ricerche. Il report dimostra che la frammentazione richiede una comprensione dei comportamenti che va ben oltre i classici dati socio-demografici e considera interessi e attitudini di pubblici fatti di individui che vogliono sentirsi unici.

Ogni brand si autodefinisce sotto due variabili:
aspetti formali: agiscono sul piano dell’espressione, dunque verbali (il nome, la tagline quando c’è), visivi (il logo, il simbolo, la mascotte o i personaggi di marca, i colori – essi stessi un trademark in alcuni casi –, uno specifico font o format), talvolta uditivi (sound logo) o olfattivi;
aspetti di contenuto: cioè la personalità di marca, la sua storia, i riferimenti culturali, e l’insieme degli attributi emozionali, evocativi e intangibili che ne caratterizzano l’offerta.

Gli aspetti formali sono la custodia mnemonica nella quale si sedimentano gli aspetti di contenuto, ossia tutte le conoscenze, esperienze e sensazioni associate a un brand da parte del pubblico. Così gli aspetti formali, oltre ad assolvere una funzione di riconoscimento rispetto ai competitor, di richiamo cognitivo, si caricano di valenze emozionali, simboliche e affettive.


Gli aspetti di contenuto sono quelli ora più importanti.

Di conseguenza nel posizionamento di mercato diventano fondamentali le variabili comportamentali in cui il pubblico descrive la conoscenza e utilizzo del prodotto, l’atteggiamento e la reazione nei suoi confronti. Questa è la personalizzazione.

La scelta di un micro-target diventa quindi la nuova chiave di posizionamento, non più profilando attraverso insight quantitativi ma anche qualitativi. Perché il pubblico compie queste scelte?

Il neuromarketing ci viene in aiuto con una profilazione chiamata: real-life personas. La personalizzazione del pubblico viene arricchita da componenti emozionali e comportamentali, tracciate lungo il percorso d’acquisto e le interazioni con i brand. Questi dati possono essere raccolti in modi differenti, su diversi touchpoint, in base all’attività di advertising messa in essere.

Si deve quindi creare maggior interazione tra il settore marketing e quello advertising.
Così per costruire relazioni durature tra brand e clienti è necessario mettere in essere attività strategiche di content marketing basate su analytics in tempo reale.
È la personalizzazione di Amazon che ci indica cosa comprare, di Netflix che ci suggerisce cosa guardare e di Spotify cosa ascoltare, tutto in base ai nostri gusti, cioè alle nostre scelte precedenti.

La personalizzazione ha però i suoi limiti.
Queste tecniche di definizioni del comportamento del pubblico rischiano di essere invadenti e i brand diventano degli stalker dei propri clienti.
InMoment, azienda specialista in customer experience, ha rilevato in un sondaggio in USA che il 40% giudica fastidiose e allarmanti le pratiche di personalizzazione e raccolta informazioni come il retargeting, cioè la pubblicità on line di brand di cui hai visitato il sito.
Il risultato è che il 22% dei consumatori evita i brand da cui si sente infastidito, il 21% ne fa partecipi gli amici, il 20% smette di acquistare quei brand.

Quindi la personalizzazione va bene, ma attenzione: non troppo!


I contenuti dell’articolo sono presenti in questo libro.

Editore: Dario Flaccovio Editore
Collana: WebBook
ISBN:
788857907413
Pagine: 340
Costo: 24,65 euro
Formato: brossura

About the author

Brand strategist, esperto neuromarketing e neurobranding, docente universitario e CEO laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Appuntamenti

Graduation day Ninja 2019

Aula Magna IUSVE - Campus di Verona (VR)
16/03/2019

Il metodo Condivide et Impera per creare contenuti

Hotel Cosmo Palace - Milano (MI)
02/03/2019

SEO & LOVE 2019: innovazione digitale e visione strategica

Palazzo della Gran Guardia - Verona (VR)
02/03/2019

Le ultime pubblicazioni

Advertising

Neuromarketing: perché gli archetipi sono importanti nel processo di vendita
10 Dicembre 2018By
Quando l’advertising fa sognare ma è anche sociale: Go beyond plastic di North Sails
21 Luglio 2018By

Branding

Il neuromarketing e la teoria degli insiemi percettivi
15 Marzo 2019By
La Generazione Z interagisce meno con i brand nei social network
18 Febbraio 2019By

Digital

Abbiamo bisogno delle arti liberali ora più che mai: anche nel marketing e nella pubblicità
23 Febbraio 2019By
Le classifiche del mondo digital che non danno informazioni
1 Febbraio 2019By

Marketing

Il neuromarketing per creare il content vincente: il marketing brain to brain
18 Marzo 2019By
Come diventare un Web Marketing Manager & Digital Strategist?
3 Febbraio 2019By

Social

Predicting Personality: i Like nei social media rivelano più di quello che pensi
18 Gennaio 2019By
Social media marketing: quantità e qualità dell’advertising ma soprattutto analisi del ritorno d’investimento
9 Gennaio 2019By