Da public relations a people relations: che cosa sono, definizione ed esempi

Ecco l’importanza delle Digital PR ma soprattutto del passaggio da public relations a people relations.

Avevamo già definito in un’altra puntata che cosa sono le digital pr, lo riassumo per chi magari non ci aveva seguito: le digital pr sono quelle attività che un professionista del mondo digital svolge nella rete con tutti i mezzi che ha a disposizione per promuovere i servizi, i prodotti, i progetti, gli eventi di una determinata azienda, di un determinato ente, al fine di realizzare una relazione digitale con un pubblico di riferimento, con un target che si vuole raggiungere.

Avevamo detto che anche il mondo anglosassone ha una parola ben precisa per questo aspetto che è la parola publicity. In Italia non c’è ancora ma noi speriamo che arrivi presto una traduzione italiana pertinente per questo termine.

Ma questa professionalità potremmo dire che è a cavallo tra il mondo del marketing, della comunicazione e dell’advertising. Perché il digital, per sua scelta, ha intrinseche questi tre elementi: marketing, comunicazione e advertising; e questi diventano, attraverso i digital media, uno strumento di relazione. Se i destinatari delle pubbliche relazioni erano definiti pubblici e si classificavano in pubblico interno, quando il comunicatore lavorava con gli organismi interni all’azienda, oppure pubblico esterno quando si rivolgeva ad esempio ai giornalisti, agli stakeholder esterni…

Oggi questa distinzione non esiste più, ma c’è un pubblico definibile che potremmo chiamare digital audience e che sicuramente include le due categorie di pubblico che abbiamo visto appena adesso, quindi pubblico interno e pubblico esterno; ma allo stesso tempo apre nuovi scenari.

Questa digital audience non è più quindi formata da professionisti come potevano essere i giornalisti, gli stakeholders, i manager stessi dell’azienda, ma anche i dipendenti. Ma è formata, questa digital audience, da tutte quelle persone e soggetti che riescono ad essere influenti, quelli che vengono chiamati, nel mondo digital, influencer.

E sono influencer perché riescono a determinare e influenzare, all’interno della rete, le scelte di un pubblico. Come, ad esempio, possono essere gli opinion leader, gli youtuber, i blogger, coloro che gestiscono i profili social, ad esempio dei network.

Attualmente le aziende che utilizzano maggiormente le digital PR si occupano di tecnologia, di moda, di spettacolo, di politica ma anche di fitness e di beautyness, anche se nuovi settori potremmo dire, si stanno già affacciando con grande interesse. Ad esempio potremmo citare il mondo assicurativo, l’universo creditizio quindi le banche, le finanziarie, ma soprattutto il settore denominato health, quello della salute quindi le multinazionali farmaceutiche e aziende di ricerca.

Il futuro di questa professione sarà sempre più orientato a creare un contatto con la singola persona e non con i pubblici indifferenziati di cui abbiamo già detto. David Mullen, esperto di marketing, communication strategies e digital PR, già a fine del 2008 sosteneva nel suo blog, che è necessario passare da pubblico a persone; questo è il nuovo paradigma, non devo più parlare e istituire relazioni con tante persone, quindi relazioni pubbliche, ma relazioni individuali, relazioni personali.

  • La regola aurea del marketing: proponetevi ai vostri clienti così come vorreste che si proponessero a voi.

    Philip Kotler
    Scrittore e marketer
Ascolta interamente questo nuovo episodio su

SPOTIFY

Oppure ascolta questa puntata su

APPLE MUSIC | ITUNES PODCAST

Oppure ascolta questa puntata su

SPREAKER

TAG CLOUD

#advertising #book #branding #brandpositioning #comunicazione #digital #digitalPR #digitalcommunication #ecommerce #educazione #facebook #informatica #instagram #internet #libri #marketing #mutazioni #neuromarketing #neurobranding #neuroscienze #newmedia #nuovetecnologie #psicologia #pubblicità #reti #semiotica #semioticadigitale #socialmedia #socialmediamarketing #socialnetwork #tecnologia #web #webmarketing #webmarketingmanager

cerca qui sotto altri argomenti che ti possono interessare in

ALTRE PUNTATE

Inbound marketing: che cos’è, definizione ed esempi

Inbound marketing: che cos'è, definizione ed esempi. Noi sappiamo che ogni azienda ha bisogno di clienti per poter sopravvivere nel mercato e deve sempre avvicinare il proprio brand e i propri prodotti al pubblico.
Continua a leggere

Competenza, creatività e coraggio: che cosa sono, definizione ed esempi

Competenza, creatività e coraggio nel mondo digital. Chi ci segue ormai da diverse puntate ha visto come il nostro approccio vuole essere proprio interdisciplinare: non solo competenze tecniche ma proprio atteggiamenti che bisogna avere per...
Continua a leggere

La lead generation: che cos’è, definizione ed esempi

La lead generation: che cos'è, definizione ed esempi. Da sempre noi sappiamo che il passaparola è il mezzo più potente del marketing perché possiede due grandi elementi a proprio favore.
Continua a leggere

Il neuromarketing: che cos’è, definizione ed esempi

L’argomento di oggi è il neuromarketing: tutti ne parlano, tutti vogliono scoprire che cos’è e come funziona. Però nelle aziende abbiamo ancora dei marketer che pensano che le emozioni non possano influire nel processo decisionale...
Continua a leggere

Il digital personal branding: che cos’è, definizione ed esempi

L’argomento di oggi è il digital personal branding: andiamo proprio ad analizzare cosa voglia dire il personal branding all’interno del mondo digital.
Continua a leggere

Generazione digital: vi presento il mio podcast

Benvenuti al primo appuntamento di Generazione digital. Di che cosa parleremo in questa nuova rubrica? Parleremo del mondo digital e di come dieci anni fa questo mondo della comunicazione è stato invaso da questa nuova...
Continua a leggere
About the author

Brand strategist, esperto neuromarketing e neurobranding e founder laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Newsletter

NEUROMARKETING

Suoni binaurali: cosa sono e come funzionano nel nostro cervello
13 Aprile 2022By
Conosci te stesso: quando cervello e emozioni viaggiano all’unisono
8 Aprile 2022By

NEUROBRANDING

Il divertimento è il plus per un marketer vincente
14 Aprile 2022By
Il buzz marketing: le relazioni al centro del marketing conversazionale
11 Aprile 2022By

BRAND POSITIONING

L’eccitazione della scoperta: l’elemento fondamentale per i consumatori
12 Aprile 2022By
La semiotica digitale: una disciplina innovativa per il comunicatore odierno
9 Aprile 2022By

DIGITAL & SOCIAL

Il grande impatto dei micro e nano influencer nelle campagne di marketing
30 Aprile 2020By
Il Celebrity Marketing ai tempi del Coronavirus
16 Aprile 2020By

PODCAST

Il mirroring: che cos’è, definizione ed esempi
3 Marzo 2020By
Il framing: che cos’è, definizione ed esempi
2 Marzo 2020By

NEWS

Al Marketers Festival 2019: tra posizionamento e neurobranding
7 Novembre 2019By
ECOMM 2019 e Predicting Personality: i Like rivelano più di quello che pensi
4 Novembre 2019By