Tutto il marketing è neuromarketing: chiediamolo a Rooger Dooley

Cos’è il neuromarketing? Ci sono molte definizioni nel web ma è giusto chiedere a Rooger Dooley la definizione più corretta in quanto è l’esponente internazionale più importante di questa nuova disciplina.

Roger Dooley è un marketer americano e autore del famoso libro Brainfluence: 100 modi per persuadere e convincere i consumatori con neuromarketing. È famoso anche per il suo blog sul Neuromarketing dove presenta le ultime ricerche sull’argomento e tiene la rubrica Brainy Marketing nella rivista statunitense di economia e finanza Forbes.

È sicuramente a livello internazionale la persona più autorevole per dare la definizione di neuromarketing.
Eccola: «Il neuromarketing è l’applicazione della neuroscienza al marketing. Il neuromarketing include l’uso diretto di tecniche di neuroimaging funzionale (functional neuroimaging), che permettono la scansione e la misurazione dell’attività cerebrale per misurare la risposta di un soggetto a prodotti specifici, imballaggi, pubblicità o altri elementi di marketing. In alcuni casi, le risposte cerebrali misurate da queste tecniche potrebbero non essere percepite coscientemente dal soggetto; quindi, questi dati possono essere più rivelatori di quelli che si auto-segnalano sui sondaggi, interviste, nei focus group.»

  • Il modo migliore per imporre un’idea agli altri è quello di far credere che proviene da loro.

    Alphonse Daudet
    Scrittore e drammaturgo francese

«Più in generale, il neuromarketing include anche l’uso della ricerca sulle neuroscienze nel marketing. Ad esempio, usando la risonanza magnetica funzionale (fMRI) o altre tecniche, i ricercatori potrebbero scoprire che uno stimolo particolare causa una risposta coerente nel cervello dei soggetti del test e che questa risposta è correlata con un comportamento desiderato (ad esempio, provando qualcosa di nuovo). Una campagna di marketing che incorpora in modo specifico lo stimolo che spera di creare quel comportamento si può dire che incorpori il neuromarketing, anche se per questa campagna non sono stati effettuati test fisici sui soggetti.»

«Una delle sfide è che, per certi aspetti, TUTTO il marketing è neuromarketing, poiché oggi le campagne di marketing cercano di produrre una sorta di attività cerebrale che porterà a un comportamento desiderato (ad esempio, l’acquisto di un prodotto).
Questa però non è una visuale corretta per guardare al neuromarketing, tuttavia capita allo stesso modo quando si dice che “tutto è chimica” (poiché tutte le cose viventi e non viventi sono costituite da molecole): è vero ma non utile.»


Quindi, è bene escludere le azioni strategiche di marketing che non incorporano specificamente la ricerca avente come base le neuroscienze o l’introduzione di strutture archetipiche che permettono una decodifica corretta del pubblico del messaggio, soprattutto nel brand positioning. È bene quindi comprendere che le strategie di marketing sono solo la parte superiore dell’iceberg, ma conoscendo tutto ciò che ci sta sotto potremmo attenere molto di più.

  • Un modo sicuro di indurre la gente a credere a cose false è la frequente ripetizione, perché la familiarità non si distingue facilmente dalla verità.

    Daniel Kahneman
    Psicologo israeliano e Premio Nobel per l'economia nel 2002

I contenuti dell’articolo sono sviluppati in modo più esteso e dettagliato in questo mio libro.

Editore: Dario Flaccovio Editore
Collana: WebBook
Data di Pubblicazione: 1 settembre 2018 (seconda ristampa aggiornata)
ISBN:
788857907413
Pagine: 340
Costo: 24,65 euro
Formato: brossura

About the author

Brand strategist, esperto neuromarketing e neurobranding e founder laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Newsletter

NEUROMARKETING

Suoni binaurali: cosa sono e come funzionano nel nostro cervello
28 Maggio 2020By
Conosci te stesso: quando cervello e emozioni viaggiano all’unisono
21 Aprile 2020By

NEUROBRANDING

Il divertimento è il plus per un marketer vincente
29 Maggio 2020By
Il buzz marketing: le relazioni al centro del marketing conversazionale
7 Maggio 2020By

BRAND POSITIONING

L’eccitazione della scoperta: l’elemento fondamentale per i consumatori
27 Maggio 2020By
Brian Chesky e la lettera di Airbnb che passerà alla storia delle HR
16 Maggio 2020By

DIGITAL & SOCIAL

Il grande impatto dei micro e nano influencer nelle campagne di marketing
30 Aprile 2020By
Il Celebrity Marketing ai tempi del Coronavirus
16 Aprile 2020By

PODCAST

Il mirroring: che cos’è, definizione ed esempi
3 Marzo 2020By
Il framing: che cos’è, definizione ed esempi
2 Marzo 2020By

NEWS

Al Marketers Festival 2019: tra posizionamento e neurobranding
7 Novembre 2019By
ECOMM 2019 e Predicting Personality: i Like rivelano più di quello che pensi
4 Novembre 2019By