Il neuromarketing per le aziende: che cos’è, definizione ed esempi

L’argomento di oggi è il neuromarketing, ne avevamo già parlato in alcune puntate precedenti ma oggi vogliamo fare uno step successivo: vogliamo affrontare questo argomento da un’altra prospettiva, che è quella di tipo aziendale.

Nelle puntate precedenti invece l’avevamo analizzata dalla parte del market, dalla parte del professionista. Infatti i grandi brand hanno iniziato a interessarsi al neuromarketing a causa del fallimento, dall’inadeguatezza dei metodi tradizionali di marketing che non producevano più i risultati ottenuti.

Questi metodi che, potremmo definire classici, trascuravano elementi importantissimi, come sono le emozioni e i ricordi. Quindi il neuromarketing ha proprio questo scopo, quello di seminare emozioni e attingere ai ricordi archetipici che i clienti, i futuri consumatori hanno, per legarli strettamente al proprio prodotto che devono vendere.

È stato il ricercatore olandese Ale Smidts nel 2002 a coniare il termine neuromarketing, grazie alle ricerche che aveva svolto presso la Scuola di Gestione di Rotterdam, dove ha presieduto per numerosi anni il Dipartimento di Gestione del Marketing, che gli ha permesso, appunto, di studiare tutti questi aspetti. Potremmo dire quindi che il neuromarketing ha l’obiettivo di fare leva sui particolari aspetti psicologici, neurologici del target di riferimento, per convincerlo della bontà del prodotto e, in definitiva, all’acquisto del prodotto stesso.

Il neuromarketing quindi nasce, e ha senso, solo all’interno di una strategia aziendale; non ha senso parlare di neuromarketing perché adesso è un po’ di moda, perché adesso tutte le aziende lo fanno, ma serve per dare delle risposte concrete alle motivazioni che spingono il cliente ad un determinato acquisto e, ovviamente riesce, potremmo dire a bloccare l’istante emozionale nel momento in cui si realizza nel nostro pubblico e riesce a cogliere il momento esatto in cui questa emozione va a sedimentarsi nell’inconscio della persona, nel vissuto della persona, che poi ripescherà nel momento in cui procederà all’acquisto.

Lo studio scientifico di ciò che si realizza all’interno del prodotto pubblicitario, grazie all’incontro di immagini, suoni, colori, emozioni, diventa quindi la base scientifica su cui progettare le campagne di advertising e sulle strategie, ovviamente, di marketing che un’azienda deve acquisire. Quindi non più ipotesi aleatorie, ma ipotesi basate su dei dati certi provenienti, appunto, dagli studi di neuromarketing.

  • Il principio di tutto è stata l’emozione.
    Sentire non è, dunque, un processo passivo.

    Antonio Damasio
    Neuroscienziato e scrittore
Ascolta interamente questo nuovo episodio su

SPOTIFY

Oppure ascolta questa puntata su

APPLE MUSIC | ITUNES PODCAST

Oppure ascolta questa puntata su

SPREAKER

TAG CLOUD

#advertising #book #branding #brandpositioning #comunicazione #digital #digitalcommunication #ecommerce #educazione #facebook #informatica #instagram #internet #libri #marketing #mutazioni #neuromarketing #neurobranding #neuroscienze #newmedia #nuovetecnologie #psicologia #pubblicità #reti #semiotica #semioticadigitale #socialmedia #socialmediamarketing #socialnetwork #tecnologia #web #webmarketing #webmarketingmanager

cerca qui sotto altri argomenti che ti possono interessare in

ALTRE PUNTATE

La Brand Identity: che cos’è, definizione ed esempi

Che cosa prevede l’elaborazione della brand identity per una azienda: che cos’è, definizione ed esempi.
Continua a leggere

La creatività e il problem solving: che cosa sono, definizione ed esempi

La creatività e il problem solving: che cosa sono, definizione ed esempi. La creatività per anni si è associata al gesto artistico e, in alcuni casi, all’intuizione tecnico scientifica. Quando pensiamo alla creatività pensiamo a...
Continua a leggere

Copywriter digital: che cos’è, definizione ed esempi

Che cos'è il copywriter digitale? La stessa natura del copywriting impone una vocazione insita all’interdisciplinarietà perché oltre a saper ben scrivere bisogna attingere alla propria creatività per raggiungere il pubblico di riferimento.
Continua a leggere

Il sales funnel: che cos’è, definizione ed esempi

Il sales funnel: che cos'è, definizione ed esempi. Abbiamo visto che il professionista del mondo web, già con l’inbound marketing e la lead generation riesce a ottenere un contatto con il pubblico, con i futuri...
Continua a leggere

Il personal branding: che cos’è, definizione ed esempi

Il personal branding: che cos'è, definizione ed esempi. Tutti ne parlano, è l’argomento del momento, tutti ne danno una definizione. Ma come al solito noi vogliamo attingere dalla storia. Infatti il concetto di personal branding...
Continua a leggere

La lead generation: che cos’è, definizione ed esempi

La lead generation: che cos'è, definizione ed esempi. Da sempre noi sappiamo che il passaparola è il mezzo più potente del marketing perché possiede due grandi elementi a proprio favore.
Continua a leggere
About the author

Brand strategist, esperto neuromarketing e neurobranding e founder laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Appuntamenti

Neuromarketing World Forum 2020

Millennium Biltmore Hotel | Los Angeles
02/04/2020

Cinema televisione e altri media: i nuovi linguaggi dell’immagine

Biblioteca Civica di Verona (VR)
11/12/2019

Marketers festival 2019

Vicenza Convention Center
23/11/2019

I miei ultimi libri

 

 

 

 

 

 

Acquista il libro

 

 

 

 

 

 

 

Acquista il libro

 

 

 

 

 

 

 

Acquista il libro

NEUROMARKETING

Neuromarketing: la fluidità cognitiva nei social network e nel web
2 Marzo 2020By
Neuromarketing: le funzioni archetipiche per raggiungere emozionalmente il tuo pubblico
16 Dicembre 2019By

NEUROBRANDING

Branded content: le narrazioni per creare più engagement
19 Dicembre 2019By
Cos’è l’Effetto Meraviglia nel branding e nel marketing
18 Dicembre 2019By

BRAND POSITIONING

Competitive advantage: come diventare leader del tuo mercato grazie al brand positioning
30 Dicembre 2019By
Quando l’advertising fa sognare ma è anche sociale: Go beyond plastic di North Sails
21 Luglio 2019By

DIGITAL & SOCIAL

Un nuovo parametro: il Digital Caos, cos’è e definizione
5 Gennaio 2020By
Nel web le persone ignoranti si considerano più intelligenti di quanto lo siano: l’Effetto Dunning-Kruger
21 Dicembre 2019By

PODCAST

Il mirroring: che cos’è, definizione ed esempi
3 Marzo 2020By
Il framing: che cos’è, definizione ed esempi
2 Marzo 2020By

NEWS

Al Marketers Festival 2019: tra posizionamento e neurobranding
7 Novembre 2019By
ECOMM 2019 e Predicting Personality: i Like rivelano più di quello che pensi
4 Novembre 2019By