La Generazione Z preferisce il contenuto divertente agli amici sui social

Quali motivi spingono una generazione rispetto ad un’altra nella scelta del ruolo che i social network ricoprono nella loro vita? La Generazione Z ritiene i social network dei validi strumenti di consumo dei contenuti e non di relazioni.

La Generazione Z, conosciuta anche come Plurals, identifica le persone nate dalla seconda metà degli anni novanta o dagli inizi del 1997 fino al 2010. Questo dato influisce sulle loro scelte di utilizzo dei social network.

Per la Generazione Z i social network sono solo uno strumento di consumo di contenuti.

I dati raccolti da Global Web Index mostrano una motivazione inaspettata per la Generazione Z. È più probabile che utilizzino i social network per riempire il tempo libero e trovare intrattenimento, piuttosto che rimanere in contatto con gli amici.

Queste motivazioni differiscono leggermente nel mercato. I consumatori della Generazione Z nei mercati maturi vedono ancora socialmente principalmente come mezzo per connettersi con i colleghi, mentre quelli in mercati in rapida crescita tendono a privilegiare la ricerca di notizie o contenuti di intrattenimento al di sopra del collegamento con gli amici.

Questi significativi indici aiutano a spiegare perché questa generazione ha molte più probabilità di utilizzare piattaforme basate sugli interessi come Reddit. Infatti in questa piattaforma i contenuti del sito sono organizzati in aree di interesse chiamate subreddits.

Nel positioning digital del mio prodotto o servizio dovrò quindi tener conto che il passa parola degli amici sarà meno efficace per questa generazione e che si dovrà maggiormente lavorare sugli interessi personali del proprio pubblico di riferimento attraverso l’intrattenimento e il divertimento.

 

  • Quella che abbiamo davanti, questa famosa generazione Z, sarà la più popolosa, probabilmente quella che consumerà di più e più a lungo, tanto che le strategie di marketing sono concentrate a conquistare questi ragazzi.

    Antonio Polito
    Giornalista e autore del libro «Riprendiamoci i nostri figli»
About the author

Brand strategist, docente universitario e CEO laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, in televisione come autore, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Appuntamenti

Brand positioning: le Leggi di Diamante per diventare leader del tuo mercato

La crisi non esiste 2018 - Sheraton Hotel Milano
07/10/2018

Master in Brand positioning per consulenti finanziari

Ramada Plaza Hotel - Milano (MI)
06/10/2018

Le leggi della comunicazione odierna applicate alle Sale della comunità

La comunicazione di una Sala della Comunità - ACEC triveneta - Abano Terme (PD)
22/09/2018

Le ultime pubblicazioni

Advertising

Il mondo pubblicitario coinvolto nelle fake news nel progetto dell’UE
17 giugno 2018By
Quando l’amore è magia: ecco il nuovo spot di Cornetto
2 maggio 2018By

Branding

Leo Burnett individua cinque trend chiave per la creatività
18 giugno 2018By
La Generazione Z interagisce meno con i brand nei social network
21 maggio 2018By

Digital

Abbiamo bisogno delle arti liberali ora più che mai: anche nel marketing e nella pubblicità
22 maggio 2018By
Le classifiche del mondo digital che non danno informazioni
4 maggio 2018By

Marketing

Quanto pericolosi sono i marketer che adottano il bias di conferma?
19 giugno 2018By
I neuroni specchio hanno modellato la civiltà: ora il marketing e la pubblicità
18 maggio 2018By

Social

Nei social network 1 utente su 3 non distingue la pubblicità dai contenuti
17 maggio 2018By
I social sono il canale pubblicitario più rilevante per i più giovani secondo il report di Adobe Digital Insights
20 aprile 2018By