Il frozen food può essere considerato un “mangiare sano”?

Una nuova ondata di start-up, che si pubblicizzano attraverso i social network, sta rinvigorendo la categoria del frozen food attraverso marchi moderni e opzioni nutrienti che soddisfano ogni tipo di esigenza alimentare

Nel 1928 il biologo Clarence Birdseye sviluppò negli Stati Uniti il primo sistema industriale di surgelamento a contatto. Era un processo che permetteva di ridurre drasticamente i tempi di surgelamento. La tecnica infatti si sviluppò rapidamente e fu subito chiaro che più veloce era il congelamento degli alimenti migliore risultava la qualità del cibo all’atto del suo utilizzo, anche molto tempo dopo il processo di surgelazione, addirittura fino a sei mesi.

Quando però parliamo di cibo congelato la maggior parte del pubblico non lo abbina ad un “mangiare sano”. Sano vuol dire fresco, vuol dire appena raccolto, non manipolato dall’uomo.

In termini di contenuti nutrizionali, il congelamento non danneggia il cibo, anzi permette la conservazione più a lungo delle vitamine e dei minerali rispetto a lasciare i prodotti comprati in frigo. Ad esempio la verdura acquistata al mercato, se non consumata, dopo tre giorni perde naturalmente l’80% della vitamina C che contiene.

Così quest’estate una nutrita lista di personaggi famosi americani si è schierata invece dalla parte del cibo congelato dichiarandolo salutare.
Solo advertising o c’è qualcosa di vero dietro?

A guidare questa nuova frontiera c’è l’attrice Gwyneth Paltrow e la tennista Serena Williams che hanno iniziato ad usare i prodotti di una nuova start-up newyorkese di servizi in abbonamento chiamata Daily Harvest. Consegna a domicilio di prodotti congelati di qualità: questo è il core business.

  • I prodotti agricoli surgelati vengono raccolti al loro picco nutrizionale, conservano più sostanze nutritive e sono più facilmente disponibili per tutti. Per questo motivo Daily Harvest mi ha convinto e sono così entusiasta di essere coinvolta in una “rivoluzione del congelamento” con i miei investimenti

    GWYNETH PALTROW
    Attrice

 

Daily Harvest è una società fondata da Rachel Drori nel 2015 con l’intento di cambiare le idee sbagliate del pubblico sui cibi surgelati. Lavorando con un team di chef e nutrizionisti è riuscita a presentare un prodotto congelato accattivante e vincente sia a livello di business sia a livello salutare.

Il successo dell’azienda è dovuto alla maniacale cura del packaging, alla fotografia d’artista e ai social network.

  • La confezione di Daily Harvest è semplice, pulita e ordinata, e segnala ai clienti che c’è qualcosa di diverso all’interno.
    Dato che solitamente “mangiamo con gli occhi” Instagram è stato il canale più efficace per noi per trasmettere la nostra differenza.

    RACHEL DRORI
    Fondatrice Daily Harvest

 

Il profilo Instagram aziendale è il perfetto connubio tra racconto del prodotto, fotografia emozionale e brand positioning. In pochi mesi infatti ha raggiunto l’obiettivo di 126 mila follower.


Le grandi aziende stanno quindi rivedendo la propria posizione sul cibo congelato e le potenzialità le trasferiscono su proprie start-up che hanno il compito di monitorare il mercato e valutare la risposta del pubblico senza così inficiare da subito il nome del brand.

A settembre 2017 Danone ha investito nella startup di alimenti biologici surgelati Yooji e nello stesso mese Nestlé ha acquisito la società di alimenti surgelati chiamata Sweet Earth.

Il mercato globale dei surgelati dovrebbe raggiungere quota 312 miliardi di dollari entro il 2021, con un tasso di crescita costante di oltre il 6% secondo uno studio del 2017 condotto dall’azienda leader nella ricerca e nella consulenza tecnologica britannica Technavio.

Negli Stati Uniti gli acquisti di alimenti surgelati sono aumentati del 26% nel 2017 secondo un recente studio condotto dall’agenzia di marketing Acosta e si diffonderanno sempre più anche in Europa.

Siamo già pronti in Italia per questa nuova invasione?

Daily Harvest – Official web site: www.daily-harvest.com

About the author

Brand strategist, docente universitario e CEO laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Appuntamenti

StartupItalia: open summit 2018

Palazzo del Ghiaccio - Milano (MI)
17/12/2018

Cinema, televisione e altri media: i nuovi linguaggi dell’immagine

Biblioteca Civica di Verona (VR)
05/12/2018

TEDxTrento 2018: hic sunt leones

Teatro Sociale - trento (TN)
01/12/2018

Le ultime pubblicazioni

Advertising

Neuromarketing: perché gli archetipi sono importanti nel processo di vendita
10 Dicembre 2018By
Quando l’advertising fa sognare ma è anche sociale: Go beyond plastic di North Sails
21 Luglio 2018By

Branding

Una perfetta strategia marketing presuppone un ottimo brand positioning
7 Gennaio 2019By
Il corporate storytelling per il brand positioning: il lato narrativo dei brand
5 Gennaio 2019By

Digital

Il futuro della pubblicità è in mano ai giovani talenti contro agli Ad blocker
17 Gennaio 2019By
L’evoluzione dalle pubbliche relazioni alle digital PR
13 Gennaio 2019By

Marketing

Monetizzare il gratis on line? Ti spiego come è possibile
19 Gennaio 2019By
Neuromarketing: le 7 emozioni che ci permettono di scegliere un prodotto
14 Gennaio 2019By

Social

Predicting Personality: i Like nei social media rivelano più di quello che pensi
18 Gennaio 2019By
Social media marketing: quantità e qualità dell’advertising ma soprattutto analisi del ritorno d’investimento
9 Gennaio 2019By