Netflix ha creato un nuovo font pulito, funzionale ed economico

Il designer Noah Nathan spiega Netflix Sans il nuovo font che ha creato per la famosa piattaforma di streaming: pulito, funzionale ma soprattutto economico. Ci spiega la progettazione del font.

Netflix ha sviluppato un nuovo font chiamato Netflix Sans che utilizzerà come font coordinato per la propria corporate e per i diversi prodotti che immetterà nel mercato.

La creazione di questo nuovo Type design è stato affidato al visual designer americano Noah Nathan.
Si definisce così: «Sono un risolutore di problemi creativi con esperienza su tutti i mezzi e ho la passione di elevare i brand attraverso il visual design. Mi piace lavorare con i marchi che stanno vedendo un aggiornamento, o che vogliono solo continuare a evolversi e guardare al futuro.»

Ad una prima visualizzazione il font risulta leggibile, pulito e funzionale. L’ispirazione viene dal famoso logo di Netflix.
La cosa che più stupisce è che economico per l’azienda stessa. Vi chiederete come mai.

  • Con la natura globale dell’attività di Netflix, le licenze dei font possono diventare piuttosto costose.
    Lo sviluppo di questo carattere non solo ha creato un elemento personale e unico per l’estetica del marchio (allontanando Netflix da Gotham, che è ampiamente utilizzato nell’industria dell’intrattenimento), ma fa risparmiare all’azienda milioni di dollari l’anno perché oramai le licenze sui font sono basate sulle impressioni che i loro caratteri tipografici hanno in molti spazi pubblicitari digitali.

    Noah Nathan
    Visual designer

In questo modo Netflix, avendo un font proprietario, potrà risparmiare perché il suo utilizzo non gli costerà niente.

  • Le caratteristiche uniche del carattere tipografico sono state scelte con molta attenzione in quanto destinate a servire sia a scopo espositivo che funzionale.
    Le linee pulite e neutre danno senza prendere, favorendo l’arte oltre la distrazione e eliminando l’eccesso.
    Il taglio ad arco sulla “t” minuscola è discretamente ispirato alla curva cinemascopica che è così iconica per il logo Netflix.

    Noah Nathan
    Visual designer

Effettivamente la curva sulla parte superiore della “t” minuscola è un bel tocco, facendo riferimento visivamente al famoso logo Netflix (introdotto con la fondazione dell’azienda nel 1997 e aggiornato nel 2014), a sua volta ispirato al logo di CinemaScope, l’anamorfico obiettivo utilizzato negli anni ’50 e ’60 per girare filmati widescreen.

  • È sempre stato un mio sogno lavorare su un carattere personalizzato, e ho avuto la fortuna di far parte di questo fantastico progetto.

    Noah Nathan
    Visual designer

Ecco alcune applicazioni del font tratte dal sito ufficiale di Noah Nathan.

Netflix Sans Thin

Netflix Sans Light

Netflix Sans Regular

Netflix Sans Medium

Netflix Sans Bold

Netflix Sans Black

Se vuoi conoscere altri lavori di Noah Nathan puoi consultare il suo sito: noahnathan.com

Credit
Project: Netflix Sans
Design leads: Tanya Kumar, Noah Nathan
Product design consultants: Andre do Amaral, David Gallagher
Integrated production: Monique Adcock, Tanya Kumar
Foundry partner: Dalton Maag
Images: Design Taxi

About the author

Brand strategist, esperto neuromarketing e neurobranding, docente universitario e CEO laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Appuntamenti

Graduation day Ninja 2019

Aula Magna IUSVE - Campus di Verona (VR)
16/03/2019

Il metodo Condivide et Impera per creare contenuti

Hotel Cosmo Palace - Milano (MI)
02/03/2019

SEO & LOVE 2019: innovazione digitale e visione strategica

Palazzo della Gran Guardia - Verona (VR)
02/03/2019

Le ultime pubblicazioni

Advertising

Neuromarketing: perché gli archetipi sono importanti nel processo di vendita
10 Dicembre 2018By
Quando l’advertising fa sognare ma è anche sociale: Go beyond plastic di North Sails
21 Luglio 2018By

Branding

Il neuromarketing e la teoria degli insiemi percettivi
15 Marzo 2019By
La Generazione Z interagisce meno con i brand nei social network
18 Febbraio 2019By

Digital

Abbiamo bisogno delle arti liberali ora più che mai: anche nel marketing e nella pubblicità
23 Febbraio 2019By
Le classifiche del mondo digital che non danno informazioni
1 Febbraio 2019By

Marketing

Il neuromarketing per creare il content vincente: il marketing brain to brain
18 Marzo 2019By
Come diventare un Web Marketing Manager & Digital Strategist?
3 Febbraio 2019By

Social

Predicting Personality: i Like nei social media rivelano più di quello che pensi
18 Gennaio 2019By
Social media marketing: quantità e qualità dell’advertising ma soprattutto analisi del ritorno d’investimento
9 Gennaio 2019By