Generazione C: consapevolezza dei consumatori, spinta tecnologica e benefici economici

Ecco gli elementi che guideranno le scelte di consumo della Generazione C: il pubblico intergenerazionale che usa il mondo digitale come principale mezzo di comunicazione.

Entro il 2020, un’intera generazione, la Generation C sarà cresciuta in un mondo prevalentemente digitale. Computer, internet, telefoni cellulari, messaggi di testo, social networking: questi sono gli strumenti di secondaria importanza per i membri di questo gruppo.

Per la Generazione C è più importante la familiarità con la tecnologia, la fiducia nelle comunicazioni mobili e il desiderio di rimanere in contatto con grandi reti di familiari, amici e contatti di lavoro a prescindere dal mezzo utilizzato.
Quindi anche nuovi strumenti potranno essere immessi nel mercato per rispondere alle esigenze di questo pubblico. Verranno accolti in modo positivo purché assolvano alla funzione di collegamento e semplifichino questa azione.

Tutti questi nuovi strumenti, guidati e utilizzati dalla Generazione C, trasformeranno così per tutti noi il modo in cui lavoriamo e il modo in cui consumiamo.

  • L’innovazione non è mai arrivata attraverso la burocrazia e la gerarchia.
    È sempre arrivata attraverso gli individui.

    John Sculley
    Dirigente americano di Pepsi e Apple

Gli effetti di un mondo sempre più digitalizzato sono evidenti in quanto hanno condizionato ogni momento della nostra vita.


Tre elementi si rafforzano potentemente l’un l’altro nel nostro tempo: consapevolezza dei consumatori, spinta tecnologica e benefici economici.

Consapevolezza dei consumatori: i consumatori, e in particolare la Generazione C, si sono già pienamente adattati all’ambiente digitale. Naturalmente si aspettano di essere sempre connessi, disposti a condividere alcuni dati personali e sono più propensi a fidarsi dei referral dei loro amici più cari rispetto ai brand. È caduta quella barriera di diffidenza che ha distinto i primi anni del nuovo millennio in cui i clienti in Italia avevano ancora paura di essere frodati in rete perché utilizzavano la carta di credito.

Spinta tecnologica: la tecnologia digitale continua ad espandere la sua influenza. La spina dorsale dell’infrastruttura del mondo digitale sta portando la banda larga a miliardi di consumatori, anche se in Italia siamo ancora molto in arretrato rispetto agli altri paesi industrializzati.
I dispositivi connessi a basso costo vengono implementati in ogni settore mentre parallelamente il cloud computing e il vasto macchinario di elaborazione delle informazioni si stanno sviluppando rapidamente. La maggior consapevolezza dei clienti quindi spinge le aziende a innovarsi e a spingersi oltre per soddisfare le attese.

Benefici economici: i vantaggi economici da vivere attraverso la digitalizzazione sono reali. Un’ondata di capitali si è riversata nelle nuove tecnologie di digitalizzazione e nelle aziende, e i mercati pubblici premiano questi investitori.
Ovviamente a beneficiare di questo upgrade sarà il consumatore finale che avrà sempre più possibilità di scelta e di verifica degli acquisti, potenziando il proprio potere, non solo più grazie al proprio giudizio in rete, ma anche tramite una user experience vantaggiosa e semplificata.

  • L’innovazione è tutto.
    Quando si è in prima linea si riesce a vedere quale sarà la prossima innovazione necessaria.
    Quando si è dietro, si devono spendere le energie per recuperare terreno.

    Robert Noyce
    Imprenditore e inventore statunitense, soprannominato "il Sindaco di Silicon Valley"

La Generazione C, grazie alle proprie richieste e attese, spingerà e guiderà questi tre elementi che concatenati ci daranno possibilità inedite di presenza in rete, di identità digitale e di gestione dei consumi.

Perché una maggiore consapevolezza dei consumatori spinge le aziende e le infrastrutture a proseguire questo cammino di implementazione della tecnologia. Il tutto creerà dei benefici economici sia alle imprese, ampliando il proprio mercato, sia ai consumatori che avranno una varietà di possibilità di acquisto differenziato decisamente maggiore.

About the author

Brand strategist, esperto neuromarketing e neurobranding e founder laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Newsletter

NEUROMARKETING

Suoni binaurali: cosa sono e come funzionano nel nostro cervello
28 Maggio 2020By
Conosci te stesso: quando cervello e emozioni viaggiano all’unisono
21 Aprile 2020By

NEUROBRANDING

Il divertimento è il plus per un marketer vincente
29 Maggio 2020By
Il buzz marketing: le relazioni al centro del marketing conversazionale
7 Maggio 2020By

BRAND POSITIONING

L’eccitazione della scoperta: l’elemento fondamentale per i consumatori
27 Maggio 2020By
Brian Chesky e la lettera di Airbnb che passerà alla storia delle HR
16 Maggio 2020By

DIGITAL & SOCIAL

Il grande impatto dei micro e nano influencer nelle campagne di marketing
30 Aprile 2020By
Il Celebrity Marketing ai tempi del Coronavirus
16 Aprile 2020By

PODCAST

Il mirroring: che cos’è, definizione ed esempi
3 Marzo 2020By
Il framing: che cos’è, definizione ed esempi
2 Marzo 2020By

NEWS

Al Marketers Festival 2019: tra posizionamento e neurobranding
7 Novembre 2019By
ECOMM 2019 e Predicting Personality: i Like rivelano più di quello che pensi
4 Novembre 2019By