Il digital personal branding: che cos’è, definizione ed esempi

L’argomento di oggi è il digital personal branding: andiamo proprio ad analizzare cosa voglia dire il personal branding all’interno del mondo digital.

Oggi infatti è molto comune che sia aziende e società utilizzino nel proprio recruiting dei software, dei social media, per valutare l’identità online del professionista. Quindi, per chi vuole lavorare nel mondo digital, è importantissimo avere una presenza digitale, una on-line identity.

E quindi il personal branding, che abbiamo definito come quel processo creativo che permette a una persona, attraverso una strategia, attraverso uno storytelling emozionale, di diventare prodotto-marca, è facilmente rintracciabile e quindi, di conseguenza, più facilmente reperibile nel mondo del lavoro.

Infatti la strategia permette di mettere in relazione il soggetto, che diventa quindi un prodotto, il professionista diventa un prodotto da vendere, con il proprio pubblico. Quindi in questo caso un probabile datore di lavoro, un probabile cliente, un probabile stakeholder; e può partire dal mondo offline, quindi dalle amicizie, dalle conoscenze che ha nel mondo reale, per poi tramutarle in una presenza online, quindi in una amicizia, come si suol dire, nel mondo digitale.

Questo è molto importante perché se un professionista della comunicazione vuole lavorare in questo mondo digital, deve avere sicuramente una presenza digital. La scelta dei social, attraverso i quali essere presenti, o il blog, o il sito, dipende proprio dal soggetto, quindi da come una persona si vuole comunicare, ma la scelta deve essere ovviamente fatta e una, o più di una, possono essere le modalità di presentazione della propria on-line identity.

Ovviamente tutto questo ha l’obiettivo di creare una reputazione in rete che viene chiamata web reputation.

Ovviamente questa reputazione va salvaguardata, dev’esserci una mappatura, dev’esserci un monitoring -come si chiama tecnicamente- che permette di valutare come il proprio nome o la propria immagine viene utilizzata in rete. Quello che sta capitando però nel mondo digital è che anche le aziende si stanno vendendo non più come prodotti, ma come persone. Ed è un cambiamento, una svolta, epocale. Perché l’azienda, quindi il prodotto, assume delle caratteristiche comportamentali ed emozionali che lo rendono molto vicino al pubblico, rendono l’azienda più vicina al pubblico.

Quindi mentre le persone cercano di essere un prodotto da posizionare nel mercato, attraverso il digital personal branding, le aziende, da prodotto stanno diventando delle persone. E qui, di conseguenza, il digital personal branding, permette di influenzare il mercato e il pubblico, perché descrive il soggetto in una modalità comunicativa.

Ovviamente modalità comunicativa nel momento in cui ci sarà qualcuno che selezionerà il tuo profilo e andrà a vedere che cosa stai facendo, qual è la tua professionalità e, evidentemente, si spera, poi approderà ad una assunzione. Infatti l’obiettivo finale del personal branding è il brand positioning, ovvero posizionare nell’immaginario del pubblico, quindi degli stakeholder, il professionista stesso, associandolo a determinate conoscenze, a determinate competenze, a determinati stili e a determinate abilità.

Quindi questo è il digital personal branding; cosa un po’ ironica è che sta cambiando la società, quindi i prodotti vogliono diventare persone e le persone vogliono diventare prodotti.

  • Quasi sempre le persone conquistano le proprie credenze non sulla base di prove, ma sulla base di quanto considerano attraente.

    Blaise Pascal
    Filosofo e matematico
Ascolta interamente questo nuovo episodio su

SPOTIFY

Oppure ascolta questa puntata su

APPLE MUSIC | ITUNES PODCAST

Oppure ascolta questa puntata su

SPREAKER

TAG CLOUD

#advertising #book #branding #brandpositioning #comunicazione #digital #digitalpersonalbranding #digitalcommunication #ecommerce #educazione #facebook #informatica #instagram #internet #libri #marketing #mutazioni #neuromarketing #neurobranding #neuroscienze #newmedia #nuovetecnologie #personalbranding #psicologia #pubblicità #reti #semiotica #semioticadigitale #socialmedia #socialmediamarketing #socialnetwork #tecnologia #web #webmarketing #webmarketingmanager

cerca qui sotto altri argomenti che ti possono interessare in

ALTRE PUNTATE

La comunicazione strategica: che cos’è, definizione ed esempi

Come si può definire oggi una comunicazione strategica per un’impresa, per un’organizzazione, per un’azienda? Sicuramente è diversa da quella che ci si immaginava vent’anni o trent’anni fa perché è cambiato l’ambito in cui si svolge...
Continua a leggere

La lead generation: che cos’è, definizione ed esempi

La lead generation: che cos'è, definizione ed esempi. Da sempre noi sappiamo che il passaparola è il mezzo più potente del marketing perché possiede due grandi elementi a proprio favore.
Continua a leggere

Le sfide del marketing: che cosa sono, definizione ed esempi

Le sfide del marketing: che cosa sono, definizione ed esempi. Il marketing è una disciplina che conosciamo da tantissimi anni e che è soprattutto abbinata ancora adesso, nell’immaginario comune, all’aspetto economico.
Continua a leggere

Il personal branding: che cos’è, definizione ed esempi

Il personal branding: che cos'è, definizione ed esempi. Tutti ne parlano, è l’argomento del momento, tutti ne danno una definizione. Ma come al solito noi vogliamo attingere dalla storia. Infatti il concetto di personal branding...
Continua a leggere

Il digital personal branding: che cos’è, definizione ed esempi

L’argomento di oggi è il digital personal branding: andiamo proprio ad analizzare cosa voglia dire il personal branding all’interno del mondo digital.
Continua a leggere

I linguaggi della comunicazione digitale: che cosa sono, definizione ed esempi

I linguaggi della comunicazione digitale: che cosa sono, definizione ed esempi. Da YouTube, a Facebook, a Instagram a Whatsapp, tutti questi nuovi mezzi di comunicazione utilizzano un linguaggio.
Continua a leggere
About the author

Brand strategist, esperto neuromarketing e neurobranding e founder laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Newsletter

NEUROMARKETING

Suoni binaurali: cosa sono e come funzionano nel nostro cervello
28 Maggio 2020By
Conosci te stesso: quando cervello e emozioni viaggiano all’unisono
21 Aprile 2020By

NEUROBRANDING

Il divertimento è il plus per un marketer vincente
29 Maggio 2020By
Il buzz marketing: le relazioni al centro del marketing conversazionale
7 Maggio 2020By

BRAND POSITIONING

L’eccitazione della scoperta: l’elemento fondamentale per i consumatori
27 Maggio 2020By
Brian Chesky e la lettera di Airbnb che passerà alla storia delle HR
16 Maggio 2020By

DIGITAL & SOCIAL

Il grande impatto dei micro e nano influencer nelle campagne di marketing
30 Aprile 2020By
Il Celebrity Marketing ai tempi del Coronavirus
16 Aprile 2020By

PODCAST

Il mirroring: che cos’è, definizione ed esempi
3 Marzo 2020By
Il framing: che cos’è, definizione ed esempi
2 Marzo 2020By

NEWS

Al Marketers Festival 2019: tra posizionamento e neurobranding
7 Novembre 2019By
ECOMM 2019 e Predicting Personality: i Like rivelano più di quello che pensi
4 Novembre 2019By