La creatività è un talento naturale plasmato dal cervello e molto esercizio

Dick Swaab è neurobiologo dell’università di Amsterdam e autore del famoso libro “Noi siamo il nostro cervello” che ora afferma che noi siamo il nostro cervello creativo.

Creatività e innovazione sembrano essere gli imperativi per sopravvivere all’interno del mercato attuale della comunicazione che è caratterizzato dalla globalizzazione e dalla crisi.
I due termini si intersecano tra di loro e alcune volte diventano sinonimi, ma la storia ci guida in strade diverse e non vede la creatività solo come una prerogativa del mondo della comunicazione.

  • L’uomo è tormentato dal desiderio di regredire fino a rientrare nell’utero materno e dal desiderio di essere nato completamente. Molti muoiono senza essere mai nati completamente.
    Creatività significa aver portato a termine la propria nascita prima di morire.
    Educare alla creatività significa educare alla vita.

    Erich Fromm
    Psicoanalista e sociologo tedesco

Carl Ramson Rogers (1902-1987), psicologo statunitense, fondatore della terapia non direttiva e noto per i suoi studi sul counseling e la psicoterapia all’interno della corrente umanistica della psicologia, nel suo libro Da persona a persona. Il problema di essere umani, afferma che esistono tre condizioni interiore alla base di ogni atto creativo.

La prima condizione è l’apertura del soggetto all’esperienza, la seconda si verifica quando l’atto creativo viene percepito ed è valutato come espressione e realizzazione di una parte importante di se stessi. Il terzo elemento è dato dalla capacità di elaborare e manipolare concetti e funzioni in stretto rapporto con le caratteristiche positive dell’esperienza (ad esempio esplorare nuovi campi, formulare nuova ipotesi, introdurre nuovi significati).

L’apertura all’esperienza consiste in una mancanza di rigidità da parte del soggetto nei confronti di concetti, sensazioni, ipotesi. Il creativo potremmo dire che è in grado di accogliere informazioni, anche discordanti tra loro, senza considerarle minacciose per il proprio io e la propria esistenza.

L’interiorità come luogo di valutazione della propria creatività è il valore aggiunto in quanto la persona non si preoccupa delle critiche o delle lodi altrui, ma ricerca in se stessa le qualità necessarie e opportune.

La capacità di giocare con le idee e il mondo circostante, divertendosi con le immagini, i colori, le forme, permette di formulare ipotesi irragionevoli, al limite del ridicolo, problematizzando tutto ciò che viene dato per certo.
 
Parlare di creatività quindi vuol dire prendere in considerazione una disposizione interna che ogni persona possiede, per poter realizzare se stessa e rappresenta la più elevata capacità espressiva dell’uomo per far emergere al di fuori di sé le parti più intime del suo modo di essere e di sentire.

L’essere creativi quindi presume l’essere propositivi, predisposti alla ricerca e l’interpretazione di ciò che ci circonda con un’ottica diversa.

Il neurobiologo Dick Swaab ha pubblicato il suo nuovo libro dal titolo: Il cervello creativo. Come l’uomo e il mondo si plasmano a vicenda e ne ha parlato in una recente intervista (che si può leggere qui).

  • La creatività è realizzare qualcosa di nuovo da elementi che già esistono. Così risolviamo i problemi e progrediamo nella tecnologia e nella scienza.
    Gli effetti della creatività hanno cambiato la nostra vita sotto ogni aspetto. Tutto ciò che vediamo intorno a noi – natura a parte – è il risultato della creatività.
    A sua volta, l’ambiente culturale che abbiamo creato influenza il nostro cervello e il nostro comportamento.

    Dick Swaab
    Neurobiologo

Per Dick Swaab la sede della creatività è la corteccia prefrontale e il talamo, ma sono coinvolte molte aree, che interagiscono fra loro. La struttura cerebrale determina il talento di una persona.
Ogni cervello è diverso, unico, per via del patrimonio genetico e dei processi di sviluppo. In alcuni casi tutto ciò porta a strutture cerebrali particolarmente grandi o a connessioni estremamente efficienti: la base del talento. Servono entrambi, talento innato e lavoro duro.

  • Per essere creativi abbiamo bisogno del giusto patrimonio genetico. La creatività aumenta con il QI, fino a un QI 120.
    Poi ci sono i fattori che la stimolano. Un ambiente diverso e multidisciplinare, nuove esperienze, un pensiero fuori dagli schemi… Nietzsche diceva che le uniche idee buone gli venivano camminando. E poi siamo più creativi quando siamo felici.

    Dick Swaab
    Neurobiologo

L’argomento è trattato anche in questo mio libro.
Editore: libreriauniversitaria.it
Collana: Comunicazione, marketing e new media
ISBN: 8862928777

Pagine: 174
Costo: 14,90 euro
Formato: brossura

About the author

Brand strategist, esperto neuromarketing e neurobranding e founder laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Newsletter

NEUROMARKETING

Suoni binaurali: cosa sono e come funzionano nel nostro cervello
28 Maggio 2020By
Conosci te stesso: quando cervello e emozioni viaggiano all’unisono
21 Aprile 2020By

NEUROBRANDING

Il divertimento è il plus per un marketer vincente
29 Maggio 2020By
Il buzz marketing: le relazioni al centro del marketing conversazionale
7 Maggio 2020By

BRAND POSITIONING

L’eccitazione della scoperta: l’elemento fondamentale per i consumatori
27 Maggio 2020By
Brian Chesky e la lettera di Airbnb che passerà alla storia delle HR
16 Maggio 2020By

DIGITAL & SOCIAL

Il grande impatto dei micro e nano influencer nelle campagne di marketing
30 Aprile 2020By
Il Celebrity Marketing ai tempi del Coronavirus
16 Aprile 2020By

PODCAST

Il mirroring: che cos’è, definizione ed esempi
3 Marzo 2020By
Il framing: che cos’è, definizione ed esempi
2 Marzo 2020By

NEWS

Al Marketers Festival 2019: tra posizionamento e neurobranding
7 Novembre 2019By
ECOMM 2019 e Predicting Personality: i Like rivelano più di quello che pensi
4 Novembre 2019By