La brand awareness: che cos’è, definizione ed esempi

La brand awareness: cos’è, definizione ed esempi. Il social media manager, o le agenzie di comunicazione, hanno come obiettivo quello di sviluppare un alto grado di consapevolezza, nel pubblico di riferimento, dell’esistenza di un brand quindi di un prodotto o di un servizio.

Questa è la brand awareness, potremmo definirla come il grado di notorietà che un brand ricopre nell’immaginario comune. Provate a pensare a delle brioches particolari, delle brioches che mangiate la mattina a colazione; se io vi cito quest’oggetto quindi, questo oggetto culinario, le brioches, a che azienda state pensando?

L’azienda che state pensando è quella che ha lavorato bene con voi sulla propria brand awareness. Infatti la maggior parte degli sforzi nell’ambito marketing sono proprio quelli di conseguire una brand awareness nei confronti del pubblico di riferimento, in quanto un brand forte e riconosciuto è un capitale immenso per un’impresa stessa, per un’azienda stessa. E ovviamente, la notorietà del marchio permette di ottenere determinate capacità di identificazione da parte del pubblico nei confronti del brand.

Quindi la creazione della brand awareness è l’obiettivo primario che viene richiesto nella fase, ovviamente iniziale, del ciclo di vita del prodotto.

La misurazione della notorietà di un prodotto, di un brand, può essere di due tipi: una notorietà spontanea oppure una notorietà sollecitata. Nel primo caso viene concesso al consumatore di citare una marca in un determinato settore di mercato; nel secondo caso invece gli viene proposto un elenco di marche tra le quali scegliere. Io nell’esempio che vi ho fatto all’inizio della puntata ho parlato proprio di notorietà spontanea, cioè quella che voi vi ricordavate e che erano le brioches che mangiamo la mattina a colazione. Indubbiamente quindi l’azione pubblicitaria di marketing deve portare il brand dall’essere sconosciuto all’essere il primo a venire in mente nel target di riferimento.

Quindi la brand awareness va misurata, va monitorata attraverso ricerche qualitative e qualitative.
Gli strumenti migliori e più utilizzati per calcolare la brand awareness sono, ad esempio, il servizio di Google Analytics che mette a disposizione degli utenti tutte le informazioni necessarie sul traffico ricevuto nel proprio sito, nei propri social. Oppure appunto gli insight dei propri social.

Le aziende quindi tramite il web marketing manager o il social media specialist, devono quindi tener sempre monitorata la propria brand awareness, con l’obiettivo costante di migliorarla, cioè rimanere sempre in testa nell’immaginario del target di riferimento.

  • Uno dei modi migliori di vanificare i contenuti è non legarli a degli obiettivi.
    Bisogna sapere perché si sta creando contenuto.

    Ellen Gomes
    Senior Content Marketing Manager
Ascolta interamente questo nuovo episodio su

SPOTIFY

Oppure ascolta questa puntata su

APPLE MUSIC | ITUNES PODCAST

Oppure ascolta questa puntata su

SPREAKER

TAG CLOUD

#advertising #book #branding #brandawareness #brandpositioning #comunicazione #digital #digitalcommunication #ecommerce #educazione #facebook #informatica #instagram #internet #libri #marketing #mutazioni #neuromarketing #neurobranding #neuroscienze #newmedia #nuovetecnologie #psicologia #pubblicità #reti #semiotica #semioticadigitale #socialmedia #socialmediamarketing #socialnetwork #tecnologia #web #webmarketing #webmarketingmanager

cerca qui sotto altri argomenti che ti possono interessare in

ALTRE PUNTATE

La Storia del web e della digital communication

Da più di dieci anni la lista delle nuove parole inserite nei dizionari della lingua italiana, contiene un numero crescente di parole derivanti da nuove tecnologie; tra questi la notizia dell’inserimento della parola “selfie” nel...
Continua a leggere

La comunicazione strategica: che cos’è, definizione ed esempi

Come si può definire oggi una comunicazione strategica per un’impresa, per un’organizzazione, per un’azienda? Sicuramente è diversa da quella che ci si immaginava vent’anni o trent’anni fa perché è cambiato l’ambito in cui si svolge...
Continua a leggere

Social media marketing: che cos’è, definizioni ed esempi

I social media e i social network sono sicuramente un fenomeno sociale, culturale ed economico che tutti conosciamo. Chi di noi non ha un profilo social? Chi di noi non lo utilizza in maniera diversa...
Continua a leggere

Emozioni e marketing: che cosa sono, definizione ed esempi

L’argomento di oggi sono le emozioni e il marketing. La domanda che potremmo porci è: è possibile vivere senza emozioni? È solo la ragione che guida il nostro essere, il nostro operare nel mondo? Sicuramente...
Continua a leggere

La Brand Identity: che cos’è, definizione ed esempi

Che cosa prevede l’elaborazione della brand identity per una azienda: che cos’è, definizione ed esempi.
Continua a leggere

Le sfide del marketing: che cosa sono, definizione ed esempi

Le sfide del marketing: che cosa sono, definizione ed esempi. Il marketing è una disciplina che conosciamo da tantissimi anni e che è soprattutto abbinata ancora adesso, nell’immaginario comune, all’aspetto economico.
Continua a leggere
About the author

Brand strategist, esperto neuromarketing e neurobranding e founder laurea Magistrale in Web Marketing & digital communication dell'università IUSVE | Da sempre presente nel mondo social ho coltivato la passione per la comunicazione lavorando in radio come speaker, scrivendo romanzi per ragazzi, insegnando all’università, come brand strategist per aziende e agenzie, tenendo numerose conferenze sul mondo della comunicazione, dell’advertising e del web.

Lascia un commento

Seguimi sui social

Appuntamenti

Neuromarketing World Forum 2020

Millennium Biltmore Hotel | Los Angeles
02/04/2020

Cinema televisione e altri media: i nuovi linguaggi dell’immagine

Biblioteca Civica di Verona (VR)
11/12/2019

Marketers festival 2019

Vicenza Convention Center
23/11/2019

I miei ultimi libri

 

 

 

 

 

 

Acquista il libro

 

 

 

 

 

 

 

Acquista il libro

 

 

 

 

 

 

 

Acquista il libro

NEUROMARKETING

Neuromarketing: la fluidità cognitiva nei social network e nel web
2 Marzo 2020By
Neuromarketing: le funzioni archetipiche per raggiungere emozionalmente il tuo pubblico
16 Dicembre 2019By

NEUROBRANDING

Branded content: le narrazioni per creare più engagement
19 Dicembre 2019By
Cos’è l’Effetto Meraviglia nel branding e nel marketing
18 Dicembre 2019By

BRAND POSITIONING

Competitive advantage: come diventare leader del tuo mercato grazie al brand positioning
30 Dicembre 2019By
Quando l’advertising fa sognare ma è anche sociale: Go beyond plastic di North Sails
21 Luglio 2019By

DIGITAL & SOCIAL

Un nuovo parametro: il Digital Caos, cos’è e definizione
5 Gennaio 2020By
Nel web le persone ignoranti si considerano più intelligenti di quanto lo siano: l’Effetto Dunning-Kruger
21 Dicembre 2019By

PODCAST

Il mirroring: che cos’è, definizione ed esempi
3 Marzo 2020By
Il framing: che cos’è, definizione ed esempi
2 Marzo 2020By

NEWS

Al Marketers Festival 2019: tra posizionamento e neurobranding
7 Novembre 2019By
ECOMM 2019 e Predicting Personality: i Like rivelano più di quello che pensi
4 Novembre 2019By